03
Feb
10

Stratocaster ancora ‘moddata’!

La mia Strato messicana ha raggiunto un nuovo stadio di evoluzione, probabilmente non quello definitivo, ma poco ci manca. Avrete capito che la sto praticamente ‘beckizzando’, cioé rendendola simile al modello signature di Jeff Beck, ma con dei cambiamenti miei. Stavolta è toccato alle meccaniche autobloccanti – o come cavolo si chiamano – che danno un tocco di semplicità a tutta l’operazione di cambio corde, tenuta accordatura ed uso del tremolo. Pronti? Via! 😉

Come vedete ho preso delle meccaniche originali Fender: costano di più, ma mi garantiscono una compatibilità assoluta con i buchi della paletta del manico. Prima di iniziare apro la mia cassetta degli attrezzi appositamente comprata ed equipaggiata per le mie chitarre (certo che avercela solo ora dopo una dozzina d’anni passati in giro a suonare è un po’ una vergogna).

Troppa roba? S’, ma alla fine per questa mia operazione mi bastano i pochi atterzzi che vedete qui sotto: meccaniche nuove, chiave inglese (nascosta sotto la paletta), corde nuove, accordatore, manovella avvolgicorde, per fare prima, con tronchesino incorporato e… tanta pazienza.

Ad un primo controllo visivo le meccaniche sembrano perfettamente compatibili con quelle vecchie, speriamo bene.

Dalla vista superiore della paletta della mia Strato si nota bene che questa mia ulteriore modifica va a completare quelle precedenti e cioé: capotasto ‘roller nut’ e abbassa corde moderno più scorrevole (di quest’ultimo potrei fare a meno, ma mi piace mantenerlo per questioni estetiche).

Adesso arriva il momento della verità. l’importante è che quei due buchi coincidano perfettamente con quelli delle nuove meccaniche, se così non fosse si potrebbe sempre rimediare, ma sarebbe un lavoro molto più lungo ed ‘invasivo’.

Per fotuna tutto è perfetto ed il lavoro procede speditamente; si smonta la corda, si cambia la meccanica, si mette una corda nuova che viene bloccata dalle nuove meccaniche, neanche un giro di chiavetta e la corda è perfettamente accordata (notare il mio accordatore stile termometro che mi permette di fare a meno del cavo: una bella comodità quando si lavora sullo strumento).

Adesso basta procedere per tutte e sei le meccaniche stando attenti a distinguere quelle con il perno più lungo da quelle con il perno più corto; ammetto di aver sbagliato due volte 😦

Ecco il lavoro finito; certo che montare le corde così è di una semplicità disarmante.

Appena montate le corde ho proceduto al solito lavoro di ‘stiratura’,  ma con queste meccaniche praticamente una volta montate non si muovono più, sono rimasto sbalordito. Per me buona parte del merito però va attribuito anche al capotasto che mi sembra un piccolo capolavoro di miniaturizzazione; essendo pensato per le Strato americane è un pelino più largo del dovuto, ma non mi dà alcun fastidio ed il risultato è garantito.

Tiene di più l’accordatura? Direi proprio di sì; il lavoro l’ho fatto venerdì scorso, stamattina l’ho portata a scuola per l’attività integrativa riguardante appunto la musica e, dopo la spiegazione del mio collega di matematica sulla ‘fisica’ del suono, a me spettava la presentazione dello strumento chitarra e far vedere quelle leggi fisiche applicate appunto al mio strumento. Tirata fuori dalla custodia morbida dopo che era stata ‘tirata in giro’ tutta mattina con uscita mattutina abbondantemente sottozero, la chitarra era accordata; ho suonicchiato un po’ e la leva del tremolo è quella che attira sempre di più l’attenzione per gli effetti ottenibili con poco sforzo. Ho dato in mano la mia chitarra ad alcuni miei studenti che ci hanno dentro a più non posso (non gli sembrava vero di toccare una Strato) ed anche le ragazze si divertono con quello strano aggeggio che le fa ridere per l’effetto ‘stonato’  che si ottiene. Messa via la Strato ed aveva il sol leggermente calante; non resisterà alla mano di Steve Vai, ma per le mie esigenze direi che queste meccaniche sono proprio una bella comodità: consigliabilissime!

Annunci

2 Responses to “Stratocaster ancora ‘moddata’!”


  1. 1 AquaLong
    giovedì 4 febbraio, 2010 alle 2:10

    Io non cambio le corde da un anno, se tiro il distorsore il ponte fa strani rumori e si scorda tutto e il 14 tasto fa un suono strano(ma potrebbe essere per le corde vecchie).Il fai da te l’ho abbandonato quando due anni fa nn son più riuscito a rimontarla…
    Non posso lasciare un commento tecnico…:-)
    Ma la storia della costruzione e le foto fan paura…grande1

  2. 2 Vigilius
    giovedì 4 febbraio, 2010 alle 16:21

    Molto meno difficile di quanto si pensi, a me piace ‘giocare’ sullo strumento perché alla fine lo conosci meglio 😉


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Visitatori

  • 134,408 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: