01
Mag
10

Recensione della BaCH Stratocaster

Direi che da scrivere c’è poco, molto più da vedere. Nel primo video descrivo la chitarra e faccio degli esempi con suoni puliti.

Nella seconda parte invece faccio degli esempi con suoni distorti e… piccola sorpresa finale dove faccio ciò che voglio 😉

Annunci

8 Responses to “Recensione della BaCH Stratocaster”


  1. 1 Pierluigi
    mercoledì 5 maggio, 2010 alle 12:13

    Ottimi video, complimenti perchè sono molto chiari. Posso chiederle che differenza c’è se la compro da noizewood o direttamente dal sito della bach?
    Inoltre per info io tutt’oggi utilizzo un pick up che era microfonico che sono riuscito a recuperare. Il trucco sta nello scaldarlo con il phon per capelli, in modo da far ridistribuire la paraffina. Il risultato è stato ottimo perchè prima fischiava anche sul pulito, adesso non fischia neanche con il dual rectifier.

    • 2 vigilius
      mercoledì 5 maggio, 2010 alle 12:28

      Onestamente io la prenderei in Italia per il viaggio più corto, meno rischi, e la garanzia di due anni. Il signor Roberto è di un’estrema gentilezza e quando ha visto il mio video si è pure offerto di cambiarmi la chitarra dal momento che mi ero lamentato del colore (solo che il colore che piace a me non c’è proprio). Il trucco del phon sui pickups proprio non lo conoscevo, grazie, ma ho già due pickups pronti da montare per ‘customizzare’ anche questa chitarra. Evidentemente più aumentano le ‘pretese’ del chitarrista e più bisogna mettere in conto di cambiare qualcosina perché comunque la qualità produttiva sembra essere alle volte incostante; c’è chi si è lamentato molto di queste BaCH. O io sono stato fortunato oppure, come dice qualcuno, io faccio suonare anche i manici di scopa 😆

      • 3 Pierluigi
        mercoledì 5 maggio, 2010 alle 12:57

        …chi troppo si lamenta, poco vale ;D
        In ogni caso io avevo intenzione di prenderla direttamente dalla Bach perchè la casa mi da i legni e il colore come voglio io…sono un po’ esigente lo riconosco, però credo che se arrivano da noizewood in perfetto stato, perchè non dovrebbero arrivarci a me? Il trucco del phon lo avevo letto su internet e visto che il mio pick up era ormai spacciato ho provato ed ho avuto un buon risultato, ma credo sia l’ultima via da provare. Se lei ha dei pick up buoni già pronti non credo ne valga la pena 😀

  2. 4 andrea
    lunedì 24 maggio, 2010 alle 10:19

    Ciao, complimenti per i video molto ben fatti e suonato,magari se per tutti gli strumenti ci fosse una recensione cosi’, volevo chiederti una cosa,la tua baCH strato ha il corpo in ontano, io ho visto la bach strato color crema che è il colore che volevo,però ha il corpo in tiglio,secondo te suona bene con questo corpo?
    Io ho due strato american standard con corpo in ontano e non so come suona un corpo in tiglio, tu l’hai mai provato?
    grazie mille
    Andrea

    • 5 vigilius
      lunedì 24 maggio, 2010 alle 16:55

      Onestamente più passa il tempo e più sonop convinto che il suono di una chitarra lo facciano le mani del chitarrista; comunque penso che il ruolo del legno sia secondario rispetto a quello dei pickups. Io stesso non saprei distinguere all’orecchio il legno delle mie chitarre; da quel che ho letto in giro il tiglio è un legno molto neutro quindi esalta ancora più il ruolo dei pickups che, IMHO, fanno buona parte del suono di una chitarra. No, non ho mai provato il tiglio, ma non direi mai che una chitarra suona male perché fatta di tale legno: troppo sono le variabili in gioco. Probabilmente è meno bello da vedere come venature e quindi lo usano per modelli con vernice totalmente coprente; il tiglio è usato per chitarre di solito economiche perché facilmente lavorabile e reperibile. Comunque ci sono anche alcune Ibanez di pregio che se non erro sono fatte in tiglio. Prova a chiedere a Roberto di Noizewood che ha da dire in proposito; a me, dopo che nel video ho detto che non era il colore che pensavo, si sono offerti di cambiarla, ma alla fine l’ho tenuta. Quello dei colori poco corrispondenti alle immagini del sito è un problema perché è difficile comprare ‘a scatola chiusa’. Ciao

  3. 6 Peed
    venerdì 2 luglio, 2010 alle 2:29

    Ottima recensione Vigilius, avevo una mezza idea di acquistare un jazz bass della Bach e con questo esauriente video mi sono convinto!
    Oltretutto penso sia l’unica copia ad avere la tastiera con binding e inserti rettangolari di madreperla al posto dei soliti dots..completamente anni ’70! Peccato non si trovino nei negozi ‘convenzionali’!
    Pur essendo un batterista mi vorrei avvicinare al basso con uno strumento non troppo ‘impegnativo’ per imparare a interagire al meglio con il bassista e non partendo da zero mi pare dall’impatto positivo che la Bach sia un ottimo brand su cui fare affidamento per uno strumento ‘da battaglia’, ma che allo stesso tempo dia un look all’altezza dello strumento di cui porta il nome.

    PS: ce ne fossero di appassionati di chitarre (e Deep Purple) disposti a pubblicare video come questi in rete!!

    • 7 vigilius
      venerdì 2 luglio, 2010 alle 15:21

      Ti conviene sbrigarti perché ho visto sul sito Noizewood che stanno facendo dei cambiamenti importanti e non ci sono più modelli ‘fenderiani’, penso per motivi di copyrights (magari ne hanno ancora disponibili nei magazzini, prova a chiedere). Sto preparando un altro video sui Deep Purple quindi ‘stay tuned’ 😉

  4. 8 gioele
    lunedì 12 luglio, 2010 alle 16:39

    bellissima io tempo fa ho ordinato una lespaul bach, nel sito era colore nera e rossa o leggermente sul rossiccio… la ordinai dopo 3 giorni mi arrivò di un’altro colore a dir la verità molto migliore XDD!! prima impressioni chitarra quasi accordata come la tua, pickup a dir la verità che suonavano da dio perchè ora ho la coppia di duncan ma li monterei su un’altra essendo ottimi, verniciatura ottima !.. provata dopo un pò su un jcm 600 suono pulito e meraviglioso.. dopo 3 mesi vado su boxguitar .com e mi ordino tutta la roba per rifarmi la mia lespaul a dovere.. coppia duncan sh1 e manico alnico 2 pro di slash, ponti gotoh e meccaniche kluson …!! la mia bach diversamente da una gibson differenze?? forse nessuna… è solo una bach !! qualità chitarra = 9 prezzo = 10 se non 11… ottime le consiglio a tutti per chi non vuole spendere chissà cosa, con delle modifiche drastiche come le mie si ha una simil gibson .. 🙂 ciao a tutti e buon acquisto bach :D!


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Visitatori

  • 132,446 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: