06
Gen
11

La mia prima Stratocaster

Lo so, lo so, c’è già un mio post sull’argomento, ma stavolta ho voluto fare un video con esempi sonori e sorpresa finale. Mi saprete poi dire se ne è valsa la pena o no 😉

Di solito i cultori delle fender Stratocaster si dividono in due correnti ben distinte:

  • chi la conserva amorevolmente senza quasi suonarla;
  • chi la tortura pesantemente considerandola solo un punto di partenza per soddisfare le proprie perversioni musicali.

Secondo voi io a che categoria appartengo?

Annunci

5 Responses to “La mia prima Stratocaster”


  1. 1 Filippo
    martedì 18 gennaio, 2011 alle 20:52

    Ciao Vigilius,
    innanzi tutto volevo complimeti per il bellissimo blog e le interesantissime recensioni… sono da pochi giorni il felice possessore di un blackstar ht 40 come il tuo 🙂
    l’amplificatore funziona alla grande e per quello che costa offre veramente tanto. l’unica pecca che ho riscontrato stà nel volume del canale overdrive, che è nettamente inferiore al canale clean a partià di livello della manopolina. volevo chiederti se anche il tuo amplificatore si comporta nello stesso modo opuure e il mio che è difettato?
    grazie anticipatamente per la risposta,
    Filippo

    • 2 vigilius
      martedì 18 gennaio, 2011 alle 21:18

      Nettamente? Strano; di sicuro il volume del canale distorto è dato dall’interazione di Gain e volume: abbassando il primo devi alzare l’altro. Io ottengo più o meno lo stesso volume a ore 12 sul canale pulito e gain a ore 12 e volume a ore 3 sul canale distorto; indicazioni di massima perché di solito tengo il pulito più alto perché ‘rompe’ di meno le orecchie di chi ascolta e suona. Comunque direi che una differenza è nella norma: a parità di posizione della manopola non corrisponde parità di volume nei due canali, ciò avviene anche nel mio Marshall. Non è nella norma se la differenza è abissale; valvole tutte accese? Suppongo di sì; io faccio il suono con il master circa a ore 9 e poi non tocco più i due canali, ma cambio il master solo a seconda delle necessità. Comunque già a ore 9 del master e con le impostazioni dette prima ti assicuro che è già molto alto, in casa tremano i vetri 🙂

      • 3 Filippo
        martedì 18 gennaio, 2011 alle 22:19

        ti ringrazio per le indicazioni, sai com’è è il mio primo amplificatore valvolare e ci devo fare un po’ la mano; comunque domani sera provo poi ti faccio sapere 🙂
        secondo te se la differenza di volume fosse abissale potrebbe dipendere dalle valvole?
        per vedere se le valvole sono difettate basta guardare se sono tutte accese?

  2. 4 vigilius
    martedì 18 gennaio, 2011 alle 22:42

    No, non credo che siano le valvole a creare una differenza abissale; io gli ampli li uso e basta e so solo che se sono tutte accese le valvole allora in linea di massima funzionano. Di sicuro un ampli valvolare non è come uno a transistor, ma smanettandoci un po’ dovresti capire come funziona.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Visitatori

  • 133,368 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: