22
Apr
11

Lavori quasi conclusi (con qualche problema)

Comunque ecco in diretta i lavori e le difficoltà mie: sono un impedito!

Chitarra scordata, nel senso di senza corde  8) (se mi chiedete cosa ci fa il pezzo di cartone sotto il tremolo non è che sono impazzito e non voglio rovinarla, è una mia comodità per tenere il ponte sollevato più o meno come quando ha le corde così mi è più facile riportarla in accordatura di la senza impazzire.

Ed ora una foto porno: la mia Rolling Caster svestita  icon_gh.gif

La ‘mia’ prima volta, mai aperta prima; finalmente vedo i famosi pickup artigianali e capisco molte cose: il loro volume spropositato è dovuto sicuramente alle barrette sotto e così anche la dinamica scarsa (anche se c’era)

Dall’immagine si nota anche un’altra stranezza: no, non la vernice nera schermante, ma il fatto che abbia una terra sul body ed una che dal tremolo va direttamente al jack di uscita. Non l’avevo mai visto, ma è la strato più silenziosa che abbia: vorrà dire qualcosa? Infatti vedete i due fili neri sul jack di uscita.

Ed eccomi alle prime difficoltà: il wiring! Ho deciso per un wiring particolre con Tone Bender ed ho già preso tutto cablato, ma il cablaggio è profondamente diverso da quello a cui sono abituato e sono rimasto completamente basito.

Non ho capito bene come mai vada collegato tutto da una parte sola del selettore, ma mentre scrivevo qua ho contattato il venditore che mi ha già spiegato tutto in 3 mail complete di immagini anti-imbecille come me; l’unica cosa che mi ha consigliato è di evitare i ground loop. A parole so cosa sia, ma come ciò possa avvenire all’interno della mia strato proprio non lo so; ho quindi il dubbio se attaccare la ‘sua’ terra al body o al tremolo anche se suppongo sia la stessa cosa.

Come sempre accade gli imprevisti sono dietro l’angolo: secondo voi i nuovi pot potevano andare bene al primo temntativo?
Naturalmente no  :x

Sono più belli, più robusti, made in USA e… più larghi  icon_cry2.gif

Quindi mi è toccato prendere una vecchissima lima tonda, usata anche per scaloppare la mia chitarra icon_acc.gif, e iniziare a lavorare di ‘olio di gomito’  icon_firuli.gif

Odio lavorare sulla chitarra perché so già che mai tutto funziona come dovrebbe  icon_nono.gif
Però ora dovrebbe essere a posto e dovrei poter continuare.

Considerando che il foglio schermante aveva i buchi giusti mi sa che era il mio battipenna ad averli più stretti: boh!

I dadi dei pot non sono tutti della stessa dimensione, di questo mi ero già accorto anche con le altre strato, ed io ho chiavi di più o meno di tutte le misure tranne la ’13’ che è misteriosamente scomparsa. secondo voi di che misura sono i dadi? Bravi, avete indovinato: 13!  :x  :x  :x

Ma io adesso vi frego tutti perché ho una chiave del 13 che è un vero residuato bellico: quando perderò quella sarà perduto del tutto (a dire il vero io non ho mai perso nulla, secondo me qualcuno alle volte sottrae  icon_firuli.gif)
Ed ecco a voi una chiave che nessuno di voi ha: funziona ancora!

Sì, avete letto bene: c’è scritto FIAT! Quella chiave viene dagli oggetti rimasti della cassetta cambio gomme che era in una vecchia auto di mio padre: la 125 S!  icon_omg.gif
Questa cosa mi sa che la ricorderanno veramente in pochi Qui di seguito il link di un auto esattamente uguale alla mia: stessi colori dentro e fuori (http://www.autobelle.it/annunci/dettid.php?gb_id=84911&entryquot=30). Non le fanno più come una volta: si è fermata dopo più di 10 anni solo contro un camion: anzi, il motore andava ancora, solo che non conveniva più ripararla, ancora la rimpiango.

Purtroppo c’è un altro inghippo: le vecchie viti che fissavano il selettore erano invecchiate, ma non vanno bene così adesso le ho nuove fiammanti e stonano un po’… qualcuno sa come si possono invecchiare due viti? Per ora li tengo così 😉

Ok, pot fissati e speriamo di non doverli toccare più

Ed ecco i protgonisti di cotanta fatica: loro maestà, i pickup I-SPIRA  :adorazione:

Visto così dice poco? Forse sì, forse no; il retro già fa capire che non è un pickup come tutti gli altri

Firmati! Io che compro i jeans a 7 euro c’ho i pickup firmati: sono o non sono trendy? icon_bigrazz.gif
Li ho voluti reliccati e il lavoro è stato fatto proprio bene

Le viti qui sono invecchiate per benino e le molle non ci sono perché, coerentemente con il periodo, ci sono i tubicini in lattice (che so già mi faranno sporconare non poco per metterli)

Dato che rockettaro ero e rimarrò, al ponte ne ho voluto uno diverso: firmatissimo pure lui icon_asd5.gif

Battipenna a posto e mi sembra anche ordinato (per ora).

Inizio le saldature – il mio forte – e subito mi procuro una scottatura bastarda sul dito indice della mano sinistra, ma non mentre saldavo, bensì mentre allontanavo i cavi dal saldatore (che imbecille). Qui si vede poco, ma bruciava parecchio.

Tenere l’ordine dopo le saldature è un’impresa improba anche perché non ho voluto tagliare i fili dei pickup e la rimanenza di quello al ponte è veramente tanta.

A questo punto mi dimentico sempre come vanno collegati al jack di uscita  icon_acc.gif

Capite adesso il perché delle foto? Mi servono per ricordare e come al solito i fili più bastardi vanno nel posto più bastardo  :x

Comunque credo di aver fatto tutto giusto.

Il metodo pestalozzi dice che i collegamenti ci sono e sembrano funzionare.

Metodo pestalozzi = prendere una chitarra aperta, collegarla a qualcosa tipo ampli e picchiettare, pestalozzi appunto  icon_asd5.gif, con una penna e vedere se si sente qualcosa. Brevettato al 100%  :lol:

Ragazzi, io faccio veramente così prima di chiudere; chiuderò solo con un paio di viti e cercherò di rimontare le corde vecchie giuste per vedere se funziona.
Tra un po’ torna la moglie e quando vede il tavolo della sala… ops è suonato il campanello  icon_acc.gif

Ahia: ecco lo spettacolo molto poco poetico

Per ora ha detto nulla… esce a fare la spesa…

Qualcuno mi sa dire perché le corde che voglio riciclare ora si trovano in questo stato?  :x  :x  :x

Alla fine ce l’ho fatta a sbrogliarle (tra l’altro le meccaniche vintage sono molto, ma molto più comode di quelle moderne; ora capisco cosa intendeva dire Thebluesman).

Sono l’unico che accorda con il termometro :lol:

Sopportate, con l’età di regredisce  icon_ehmm.gif

Chiedo scusa per eventuali errori, ma tra il lavoro i vari copia e incolla avrò sicuramente commesso qualche orrore di italiano e chissà che altro.

Domani cambio corde definitivo e regolazione fine: sempre se ho tempo. Ciao!

Annunci

3 Responses to “Lavori quasi conclusi (con qualche problema)”


  1. 1 thesonofalerik
    mercoledì 27 aprile, 2011 alle 21:55

    Dai Vigi, terminato il giro pasquale dei parenti…..sotto a mungere (come penso si dica anche in quel di Bergamo) per terminare i lavori, anche perchè magari a tua moglie serve il tavolo della sala…. 😉
    P.s. se ti serve una 17/19 marchiata fiat ….fai un fischio.

  2. 3 thesonofalerik
    mercoledì 27 aprile, 2011 alle 22:16

    Ho proposto una 17, ma avendo io una 600 Classic “Driver” ’60 della succitata marca, all’occorrenza fare fischio anche per chiave candele, dadi ruota o …. crick.
    A proposito di foto “porno”. Non avevo mai visto all’opera un termometro rettale della Korg 😀


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
aprile: 2011
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Visitatori

  • 134,408 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: