26
Gen
14

Super-pedaliere!

Una volta c’erano i rack alti come un frigorifero, più o meno, oggi ci sono le pedaliere multi-effetto; a dire il vero ci sono sempre state al punto che anch’io per un certo periodo ne ho avuta una completamente analogica che ancora un po’ rimpiango: la mitica BOSS ME-5.

Mamma mia, quanti ricordi… ora te la tirano dietro anche se pochi sanno che li dentro ci sono un CS-2, un CE-2, il BF-2, un DD-2 etc. … cioè tutti i pedali più famosi della BOSS! Ed ho pure trovato un video sul Tubo: da non credere!

Ricordo anche che era indistruttibile: un pomeriggio si allagò la taverna della sala prove e la pedaliera in oggetto finì sotto 30 cm. d’acqua, proprio a mollo totale visto che era sul pavimento. Tolsi il fondo, la sgocciolai ben bene e la lasciai un pomeriggio al sole; chiusa riprese a funzionare come se nulla fosse e non aveva perso neppure i presets: altri tempi! Ogni tanto se ne vede qualcuna rarissima in vendita su MM per pochi spiccioli e la nostalgia è tanta, ma è passato talmente tanto tempo che non ho idea di come reagirei a sentirla oggi: allora mi piaceva, oggi magari mi farebbe schifo!

Comunque non mi ha mai abbandonato l’idea di un multi-effetto piccolo in cui avere tutto in modo che sia facilmente utilizzabile e trasportabile; non come la mia pedaliera che ormai è un’astronave e pesa… non so di preciso quanto ma sicuramente troppo. Specie adesso che ho più pedali che spazio mi era balenata l’idea malsana di farmi una piccola pedaliera ‘usa-e-getta’ con quello che mi rimane in giro – di solito ciò che non utilizzo io lo vendo con la controindicazione che nel tempo ho venduto pedali che oggi varrebbero una fortuna (io ho gli affari nel sangue: acc…!) – oppure cercarmi una pedaliera multi-effetto che faccia di tutto un po’. La scelta era caduta sulla Zoom G3X di cui ho fotografato anche la scatola in un post qui nel mio blog: presa prima di Natale, l’ho usata 2-3 volte giusto il tempo di capire che non faceva per me. Suona bene, sia chiaro, ma non ho più voglia di smanettare con tutti quei parametri: da usare è persino facile, sebbene abbia un manuale utente veramente pessimo, ma già l’idea di avere la possibilità di 6 effetti e solo 3 schermi… mmm… non una grande pensata anche se così si contengono però spazi e costi. Poi il pedale d’espressione che può funzionare da wha o volume per me è solo d’impiccio visto che il pedale ‘miagolante’, il wha, l’ho eliminato per sempre dalle mie pedaliere almeno 30 anni fa, e il volume… ho quello della chitarra e mi basta ed avanza. Così l’ho venduta ad un amico di un forum che la utilizzerà molto meglio di me.

Nel ‘mio’ negozio di fiducia di queste pedaliere ce ne sono sempre di tutti i tipi e, soprattutto, usate; mi son lasciato sfuggire un Nova System perché era troppo fuori budget e non avevo tempo di provarlo, ma mi son portato a casa da provare questa qua sotto.

A parte il fatto che ha l’odiatissimo pedale d’espressione per me totalmente inutile, l’ho trovata divertente. VOX è un marchio che ho sempre snobbato a causa anche del prezzo una volta poco abbordabile (parlo di anni e anni fa quando anche solo vedere un AC-30 era un miraggio), ma produce oggetti interessanti – penso di non avervi mai parlato qui dell’Amplug AC-30, consigliatomi dall’amico Son of Aleric, che è uno scatolino da usarsi con le cuffie con il quale sembra di suonare con un ampli vero; se solo ne avessero fatto un pedale! – tra cui questa pedaliera. Tecnologia vecchia ed infatti ha dentro pure una valvola nella sezione pre che farà più scena che altro, ma il suono che ne esce è abbastanza convincente, direi per nulla o, meglio, poco digitale e sparato sugli acuti come si addice ad un prodotto VOX. Poi è compresa la possibilità di inserire un treble booster che con la simulazione AC-30 ricorda tanto sia Brian May che un uomo il cui cognome si può tradurre con ‘Tutto-Nero’! 😀 Niente presa USB, niente possibilità di scambio patch come usa adesso, almeno in modo semplice probabilmente via MIDI la cosa è possibile, una programmazione non semplicissima, ma comunque che passa attraverso della manopole fisiche, la possibilità di mettere qualcosa in S/R, etc. Insomma, una pedaliera interessante anche se deve avere sul groppone almeno 10 anni (non ho capito quando sia uscita) ed è poco documentata sul web nel senso che se la sono filata in pochi; pure su Youtube non è facile trovare molto. Naturalmente non ho resistito ad andare a dare un’occhiata all’interno della pedaliera nel tentativo di raggiungere la valvola: ecco cosa c’è dentro.

Sì, avete ragione: alla valvola non sono arrivato, ma ero stufo di svitare e poi sarei finito a toccare roba un po’ troppo elettronica e quindi ho desistito. Il prezzo, come vedete, non è esorbitante, ma ci sono un po’ di controindicazioni: è vecchia come concezione – questo però non è proprio un male visto che usa ancora una parte del segnale analogico – ha un alimentatore tutto suo che ha già i fili scocciati ed una presa d’ingresso stranissima (una specie di MIDI senza qualche piedino), se si guastasse penso non sarebbe più riparabile e trovare la documentazione è tutt’altro che facile: sinora ho trovato solo il manuale in inglese, ma null’altro (ci sarebbe anche in Italiano, ma non riesco a registrami al sito della EKO e non so il perché). Motivo per cui ci giocherò ancora un po’ e poi… poi? Boh, magari Son mi dirà qualcosa: è o non è il mio roadie anche se virtuale? Perché la VOX non abbia più fatto l’update di questa serie di pedaliere è una cosa che mi sfugge totalmente: in realtà ci sono a catalogo due pedaliere della serie Tonelab, ma sono più votate alla simulazioni e sono meno complete di questa: misteri del marketing! Questa suona anche bene, probabilmente è stata un insuccesso di vendite perché in questo genere di cose la fa da padrone la Line6 (anche se poi è stata appena venduta a Yamaha).

Intanto c’è il NAMM e la BOSS ha presentato la ME-80 che è proprio una pedaliera multi-effetto con l’immediatezza di ben 30 manopole da girare; certo, il suono a tratti è digitale e si sente, ma quando il buon Jack suona su una base non è che si noti poi in modo così esagerato!

E stanno uscendo anche altri video a proposito di questa novità della BOSS: eccone alcuni a caso 😉

Ed ecco anche i due ‘svalvolati’ che io proprio non reggo più di tanto.

Va beh, si scrive giusto per passare il tempo e far divertire un po’ chi legge: bye!

 

Annunci

0 Responses to “Super-pedaliere!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
gennaio: 2014
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Visitatori

  • 133,368 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: