Archivio per 6 agosto 2014

06
Ago
14

a m’arcord – cosa ho tenuto!

E dopo la spazzatura è giunto il momento di dire cosa ho comunque tenuto perché troppo importante per essere buttato; importante a livello sentimentale, sia chiaro   😉 .

Ho tenuto alcuni dépliant o brochure, come si chiamano adesso, degli anni ’80, periodo in cui ne facevo incetta per vedere cosa non potevo permettermi. Visto che ero (ero?) senza soldi ecco che mi ritrovo con un catalogo Squier degli anni ’80 con le bellezze di allora.

Se avessi avuto i soldi per comprarmi una Squier di quegli anni oggi varrebbe una fortuna: di sicuro più di una pari età della Fender! Stiamo parlando delle Squier fatte in Giappone con una cura tale da surclassare ‘mamma-Fender’; ma quando si tratta di affari io ho il fiuto al contrario e quindi niente Squier e niente pezzo pregiato nella mia collezione.

Ma i più smaliziati di voi avranno notato sullo sfondo che ho anche un catalogo Fender originale dell’epoca, 1982 per l’esattezza: ricordo ancora quando lo trovai nel ‘mio’ negozio – oggi è ancora quello anche se si è trasferito da un’altra parte della città – e riuscì ad accaparrarmi una delle pochissime copie a disposizione: che tempi!

Non chiedetemi perché sia in spagnolo: non l’ho mai saputo e capito! So solo che l’avrò sfogliato migliaia di volte fantasticando su quelle immagini di Stratocaster; lo so, ora ho più di 50 anni e la cosa fa sorridere, ma allora era così: si sognava! Anche il fatto che si aprisse in quel modo ‘scenografico’ era leggendario per un ragazzo come me che pure aveva più di 20 anni: ma una volta 20 anni erano tali e non come oggi che è come se si fosse già fatto e provato tutto nella vita.

Vedere tutti quei miti con una Fender in mano, alcuni neppure sapevo chi fossero, era un po’ la prova che avere ‘quella’ chitarra era un po’ come far parte della storia. Immagini simile anche sul retro del catalogo.

Alcuni di questi tizi sono ancora in attività, altri spariti nel nulla, altri morti: comunque sono ‘storia’!

Mai capito perché manchino alcuni mostri sacri del calibro di Jeff Beck, David Gilmour e Ritchie Blackmore: boh! In compenso c’è già Steve Morse: ma…!

Era l’anno in cui Fender iniziò a reintrodurre gli strumenti storici con la serie Vintage: ecco LA Telecaster in tutto il suo splendore!

E poi c’era lei: LA STRATOCASTER in tutta la sua magnificenza e splendore!

La Stratocaster, LA CHITARRA ELETTRICA, punto!

Ancora oggi non mi sono stancato delle sue forme e del suo essere così… così ‘bastarda’ da suonare, ma unica nel feeling. Naturalmente ero giovane e la fesseria l’ho fatta: dalla pagina precedente ho ritagliato l’immagine della strato del ’57 . Perché ho fatto una fesseria tale? Perché era la Strato con la tastiera in acero che per me rimane la tastiera della Strato! Ho trovato l’immagine della pagina mancante sul web: eccola.

Ma, mi ripeto, perché ho fatto una fesseria del genere? Semplice: l’immagine della chitarra ritagliata l’avevo attaccata sulla vetrinetta della mia libreria in modo da averla sempre di fronte a me e continuare a sperare e sognare di averla. Ora la mia RollingCaster è praticamente ‘quella’ chitarra anche se è forse quella a cui sono meno affezionato e sempre in procinto di darla via per avere un altro palettone  😮 !

Ma la pagina più guardata era un’altra, era questa qua.

La Walnut Strat era per me libidine visiva pura: il legno a vista… sapete quanto ami la strato natural, questa era ancora più da ricchi, da nababbi proprio. Certo, le meccaniche dorate fanno un po’ ‘cafone’, oggi la penso così, ma anche molto lusso sfrenato ed in tempi di povertà, allora come oggi, sognare era ed è l’unica cosa che resta. Poi… poi c’era quel circuito elettrico con 9 suoni diversi: il mitico circuito della Strat!

Nel gennaio del 1984, quindi poco dopo, riuscì ad avere la mia prima strato, quella tutta modificata e massacrata, e tanto ho fatto e disfatto che direttamente da Casale Bauer sono riuscito ad avere lo schema del circuito elettrico della Strat: una fotocopia che conservo ancora gelosamente dato l’estrema difficoltà per averla, forse l’ho mostrato nel mio video. Alla fine quella mia prima Stratocaster ha proprio il circuito elettrico della Walnut Strat e poco importa se alla fine non lo uso mai, è come avere un pezzetto di quella chitarra vista e sognata su quel catalogo.

Ma dal mio lavoro di ‘pulizia estiva’ è saltato fuori un altro catalogo immortale: tadà!!!!!!!!

Bello, vero? Stavolta aprendolo però c’è qualcosa che mi riempe di orgoglio.

Stavolta la fesseria non l’ho fatta e la mitica JCM800 2210 è ancora qui con me anche se a riposo, momentaneamente 🙄 . Ogni tanto penso di venderla, ma ho così tanti ricordi legati a quel cassone…

Ma c’è dell’altro? Certo che c’è, ma ne parlerò la prossima volta.

Annunci



PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
agosto: 2014
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Visitatori

  • 146.819 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio

Annunci

Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.