17
Set
14

In the house

Presa per provarla a casa con la mia strumentazione.

Prima impressione? Buona; il manico è comodo ed ha veramente un bel colore, il sol ha cominciato a stare accordato solo dopo 20 minuti di ‘sevizie’, ma ancora tende a crescere se se ne abusa, resta il fatto che non ho idea dell’età delle corde e della loro scalatura; i tasti me li aspettavo più piccoli, ma sono andato a leggere le specifiche ed in effetti sono dei medium jumbo. Le chiavette fanno il loro lavoro, ma non fanno gridare al miracolo, ma sono stile vintage come piacciono a me e ne avrei di nuove da sostituire. La parte elettrica, sulla cui qualità temevo molto, fa il suo lavoro egregiamente e  forse solo la manopola del volume chiude il tutto troppo presto, ma solo sul pulito perché sull’OD lavora parecchio bene. Forse è carente di schermatura, ma niente di irrimediabile o di evidente al punto da impedire di suonare. I pickup? Sono Duncan designed e quindi parenti poverissimi dei Seymour Duncan e partivo dal presupposto di cambiarli con gli I-Spira che ho sull’altra ed invece… invece se la cavano egregiamente, specie sui suoni OD. Certo, mancano un po’ di dinamica, graffiano di più, ma neanche tanto, e le posizioni intermedie suonano un pelo meno bene dei controparte I-Spira, ma sui suoni OD si difendono bene; sui puliti… beh, non c’è storia, gli I-Spira sono nettamente meglio perché più morbidi ed equilibrati. Quindi ora ho il dilemma se lasciarli sulla RollingCaster e perderli, guadagnando nella valutazione della chitarra, oppure prelevarli e metterli sulla nuova impedendomi così upgrade futuri: bel dilemma. Non ho ancora potuto provare il ponte anche perché non regolato come piace a me in quanto, appoggiando sul corpo leggerissimo, non è flottante bensì fisso.

Quindi, anche se stasera per ovvie ragioni alle prove andrò con la RollingCaster, direi che ad una prima prova la Squier ne esce bene, persino un pelo meglio di quanto mi aspettassi.

Il primo pensiero che ho avuto quando ho smesso di suonare e l’ho rimessa nella custodia è stato: “Averla avuta una chitarra così quando avevo 16-17 anni ed iniziavo a suonicchiare, ci sarebbe stato veramente da leccarsi le dita!”

Annunci

0 Responses to “In the house”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
settembre: 2014
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Visitatori

  • 133,368 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: