04
Nov
15

La pedaliera ‘ufficiale’

Ed eccomi di nuovo in azione con i grossi calibri!

Annunci

12 Responses to “La pedaliera ‘ufficiale’”


  1. 1 son of aleric
    mercoledì 4 novembre, 2015 alle 14:39

    Viuleeeeeeennnnzzzzzzaaaa!!!!!! 😆 😆 😆

  2. giovedì 5 novembre, 2015 alle 12:46

    quando avrai un po’ di tempo farai un video su questa chitarra? tipo i video che hai fatto per le altre 3 strato C:

  3. venerdì 6 novembre, 2015 alle 0:25

    Ciao Vigilius, ho voluto salutarti qui sul tuo blog per complimentarmi per quanto di buono fai e per la passione che metti in ogni video e post. Passione e sano disincanto che ritrovo anche in me stesso, forse per questioni generazionali, essendo più o meno tuo coetaneo e anche io come dico sempre, prestato dalla musica agli studi Universitari..Ho apprezzato molto il tuo ” Whish you where here sensations tour “, e mi sono ritrovato pienamente in quanto tu descrivevi, spero che sia arrivato ai più giovani il sentore di quegli anni di noi chitarristi della provincia italiana. Ho visto in qualche post, degli adesivi degli anni 80-90 (alesis !! il mio Adat pagato 7.000.000 di lire !) e ho sentito molta vicinanza fra noi, empatia.
    Dopo questo preambolo bla bla, volevo chiederti: la base del pedaliera del bù l’hai fatta con quelle tavola di legno che si vedeva nel post iniziale relativo? o è aperta tipo Pedaltrain?
    Grazie per quello che fai e auguri anche per il tuo compleanno ( che io ho fatto il 3 novembre.) e soprattutto..che vuol dire ” del bù” ??
    ciao Sandro

    • 6 vigilius
      venerdì 6 novembre, 2015 alle 7:42

      Ehilà Sandro, sì, la pedaliera è proprio quell’asse di legno che poi ho ricoperto con del nastro adesivo nero: lavoro indegno, ma per ora funziona! Che vuol dire ‘del bù’? Si tratta di un modo di dire bergamasco, una sorta di intercalare, che significa ‘davvero’, ‘veramente’. Se penso a quanto ho pagato il Rocktron Intellifex, che ho ancora anche se in cantina, alle volte mi viene male e non ero già più giovanissimo, ma i musicisti o pseudo-tali la testa a posto non la mettono mai!

      • sabato 7 novembre, 2015 alle 0:47

        Ah capito il bù ! L’Intellifex era una bomba , io non l’avevo ma l’ho invidiaoa tanto, peraltro avevo un Rocktron Chamaleon se ricordi..Di acquisti e cazzate ne abbiamo fatte tante eh dillo a me. Quello che non mi perdonerò mai e poi mai, è di aver dato indietro una Squier Stratocaster giapponese bianca degli anni ’80 !!!! proprio le prime produzioni fantastiche, per prendere non ricordo nemmeno cosa, ma all’epoca ero intrippatissimo con il mio home studio e ne ho spesi di soldi fra mixer, registratori, microfoni, rack effetti. Come dici tu, non metteremo mai la testa a posto.

        • 8 vigilius
          sabato 7 novembre, 2015 alle 7:54

          Le cavolate le abbiamo fatte tutti anche perché ‘ai miei tempi’ le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage. Morale? Ho dato via un Big Muff dell’epoca comprato proprio all’epoca – ancora oggi non amo per nulla i Muff – vari wha tra cui un italianissimo Cosmosound che suonava benissimo, non ricordo più che fine abbia fatto, il famoso chorus Arion che oggi vale oltre 300 euro ed io lo presi a 30.000 lire proprio perché costava poco ed era tutto in plastica, lo usai una stagione sola poi mi stancai, e pure io una strato bianca di una serie giapponese che oggi avrebbe pure il suo valore! Oltre ad una miriade di altre cose di cui ho perso la memoria. Insomma: siamo incorreggibili!

          • domenica 8 novembre, 2015 alle 19:18

            Sììì l’ Arion anch’ioo!! stesso motivo per l’ acquisto che costava poco e suonava benissimo e ora sembra il santo graal… poi il flanger Ibanez giallo altra svendita micidiale.. la marca Cosmosound la ricordo anch’io, io avevo un phaser –poi un wha della Jen che peraltro era una fabbrica delle mia zona.
            D’altronde penso siamo quasi coetanei ( io 53 da una settimana) e inevitabilmente gli strumenti dell’epoca erano quelli, con tutti i sacrifici per comprarli per poi rivenderli.
            Cmq la produzione di strumenti musicali ’80 ’90 è ineguaguagliabile, e considera che per il mio home studio ho trafficato pure tastiere, expader e batterie elettroniche.
            Dico sempre che oggi avrei un mini appartamento in più , ma vuoi mettere ?? ma chi se ne frega.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
novembre: 2015
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Visitatori

  • 130,466 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: