Posts Tagged ‘BOSS

21
Feb
17

Chissà…

… mentre sto smantellando la ‘pedaliera del bù’ sto cercando qualcosa che mi permetta di interfacciarmi velocemente con il PC e che sia anche una nuova sfida: per ora è in prova, poi si vedrà…

Annunci
16
Gen
17

Aggiustamenti del 2017

In attesa che arrivi altro ecco l’ultima piccola variazione di inizio 2017!

30
Nov
16

Chi la spunterà?

01
Apr
15

Blues Driver test

Non è un pesce d’Aprile e posto oggi solo perché ho un attimo di tempo. Fatto giro nel solito negozio e trovato, nell’usato, il Blues Driver Waza Craft dell’altro chitarrista: quasi quasi lo provo. Di fatto ho il Mooer Blues Mod che è il suo clone, anzi il clone del BD-2 con modifica Keeley; ma la ‘mossa’ del Waza Craft altro non è che la stessa BOSS che vende i suoi pedali ‘moddati’ da se stessa   😉 . Mi son detto che sicuramente suonerà meglio del suo clone e poi avrei finalmente un BOSS in pedaliera dopo che ne parlo tanto bene, anche se nessuno per ora è stato promosso al rango di pedale ufficiale (il Combo Drive è sempre vicinissimo alla promozione). Così l’ho messo in pedaliera nello spazio che uso ora per fare le prove dei pedali nuovi – sarebbe il posto del phaser che ho ordinato prima di Natale, ma non arriva più e tra poco escono le nuove modulazioni della TcElectronic e mi sa che il piano iniziale salterà – ed ha preso il posto del Soul Food che alle ultime prove ha quasi perso definitivamente il confronto con il Micro Amp plus.

Ho regolato i due pedali uguali e fatto il test: identici!!!!!!!!!!!!!! Ho poi provato a smanettare in tutti i modi possibili e immaginabili con regolazioni anche improbabili, ma a regolazioni uguali io non riesco a distinguerli minimamente. Sono rimasto letteralmente ‘di stucco’ come si suole dire; ma il clone non dovrebbe essere peggio? Specie ad alti volumi e regolazioni estreme? Com’è che sta scritto così su tutti i forum? E dire che alle prove ho sempre usato il Mooer e nessuno mi ha mai detto nulla, anzi… Ho poi provato la modifica Keeley del Mooer – sul pedale è chiamata ‘fat’ anche se io lo uso sempre su ‘bright’, giusto per non smentirmi – confrontandola con la ‘Custom’ della serie Waza Craft: qui una leggerissima differenza c’è, ma al 95% suonano identici. Forse il Mooer è leggermente più ‘grosso’, sembra avere più ‘ciccia’ sui bassi; sorpreso anche qui e non di poco, ma probabilmente la stessa Boss avrà avuto il pudore di non ‘copiare’, questa volta tocca a lei, la modifica al 100%. In un blind test non li distinguerei affatto: allora? Allora i reali vantaggi del Blues Driver sono le manopole più accessibili e visibili oltre alle dimensioni più grosse (per qualcuno potrebbe essere un difetto, ma io lo preferisco ‘big’): tra l’altro ritengo la forma del pedale Boss, con il suo switch, la migliore in assoluto. Passare dalla modalità ‘normale’ a quella ‘modificata’ invece è molto più comodo sul Mooer: il Boss ha una piccola levetta situata in una posizione scomodissima.

Considerando che il Boss usato costa ancora un po’ di più del Mooer nuovo, ne vale la pena? Io penso proprio di no.

27
Apr
14

Ne rimase solo uno!

Di cosa? Di delay! L’avevo detto nel video del Wampler Faux Tape Echo che ci avrei provato a rimanere con un solo delay e quindi l’ho ‘asportato’ dalla pedaliera e vediamo un po’ come va. Per pudore ho coperto la ‘nudità’ del posto lasciato libero con la cosa più grossa che possiedo: il palettone! 😀

Riuscirà il nostro eroe a fare senza di un secondo delay? Bella domanda; il Replica è fantastico, punto! Però lo uso in maniera abbastanza ‘esagerata’ e quindi mi servirebbe un delay ‘ambientale’ da tenere più o meno sempre acceso: non sarà venuto anche per me il momento del Carbon Copy? No, perché se così fosse 4roses mi prenderebbe in giro per tutta la vita 😛 . Nel frattempo vedete anche che sto provando un OD simil-TS 😯 ; un’altra cosa che avevo detto non avrei mai fatto, ma evidentemente nella vita un po’ si cambia (un po’, sia chiaro 😉 ). Pedale signature di un metallaro, ma che suona sorprendentemente bene a basso gain sia con suono pulito, sia in crunch: non me l’aspettavo.

In compenso mi sono accorto di non usare mai il MicroAmp perché in casa non necessito di avere il salto di volume per i soli e poi ho scoperto come ottenere la stessa cosa con il MrLouder se uso gli OD della pedaliera in quanto l’ho messo dopo. Anche il Combo Drive viene usato molto poco: alla fine solo per fare lo sborone tipo quando attacco tutti gli OD assieme con i booster e suono sul filo del feedback: anche oltre il ‘filo’ 🙄 .

Vuoi vedere che alla fine torno a 4 pedali: boost, modulazione, delay e accordatore? (quest’ultimo abbastanza inutile IMHO.

07
Mar
14

Ma…!!!???!!!

Mio nonno diceva che “il gioco è bello quando dura poco”!


Aveva ragione: il mio è durato troppo!

02
Nov
13

Alla fine torno sempre qua…

… no, non nel senso del blog, ma nel senso del mio setup di pedali: butto fuori qualcosa dalla porta e mi rientra dalla finestra, il MrVibe, ed altre cose scompaiono perché diventate obsolete come il Naga Viper che è stato praticamente ‘sostituito’ dal cono V30 che ha decretato buona parte della sua inutilità. Insomma: ho trovato il mio equilibrio ed anche se continuo a spostare e cambiare ordine alla fine torno quasi sempre a questa disposizione che sembra essere la più confacente alle mie esigenze.

Sono consapevole che non è la pedaliera perfetta, il RAFFUS me la boccerebbe solo per il disordine, ma fa un po’ tutto quello che mi serve ed anche di più. Ci sono doppioni, sovrapposizioni di funzioni, ma alla fine io necessito di 3 suoni, pulito-OD-solo, e 2 effetti, delay e modulazioni: con questo faccio tutto. Allora perché tutto questo popò di roba? Perché uso i pedali singoli come presets: non mi capiterà mai di cambiare OD in un pezzo, ma ho così una tavolozza di colori un po’ varia anche se non più di tanto. La pedaliera perfetta per me è quella che si setta all’inizio del brano e poi te la dimentichi; massimo massimo una ‘pedata’ per il solo o per il delay, ma nulla di più. Odio fare tip-tap mentre suono, voglio restare concentrato sul pezzo e non sugli effetti.

A parte il booster-OD che sto testando per una azienda italiana non credo ci saranno più cambiamenti epocali, persino con i delay sembro aver trovato la pace; te credo, con quello che costano ci compri una Fender messicana!




PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Visitatori

  • 132,446 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.