Posts Tagged ‘TC Electronic

18
Apr
17

Ed alla fine…

… con 49 euro trovi la quadratura del cerchio!

Quando si suona a basso volume, cioè sempre – ed io sono uno di quelli fortunati che può arrivare sino a 2 di volume sull’HotRod Deluxe III -, tutti avrete sperimentato la perdita di medio-basse a causa del cono che si muove poco e quindi muove poco l’aria. Non è colpa di nessuno: basta prendere il volume del Gurus Double Decker e spingerlo che subito il suono si imballa come su un vero ampli, ma potrebbero arrivare anche i Carabinieri abbastanza alla svelta! (o in estate i bambini che giocano che urlano ‘bravo!’ salvo poi avere a che fare con i genitori…) Allora che fare? Il MicroAmp è il ‘boost’ perfetto e silenzioso, ma ti restituisce il suono della chitarra senza poter intervenire sull’equalizzazione; certo, c’è la versione con bassi e acuti che ho avuto, ma volevo un intervento più fine e magari un qualcosa che mi desse anche un leggero ‘crunch’ sul pulito, naturalmente sempre ad un volume sopportabile. Risolto così!

Mi sono ricordato di un consiglio dell’amico Rawel34, Nuccio, e l’ho preso quasi a scatola chiusa ascoltando solo un paio di video su Youtube (va beh, uno era di Paul Gilbert!) Tra l’altro ha i controlli dell’EQ attivi come sugli Xotic e quindi si può intervenire veramente in modo fine; riuscire poi a far fuori un pedale che avevo in pedaliera da più di 6 anni, il MicroAmp appunto, non è impresa da poco!

 

04
Nov
16

A casa in prova il mini HOF

Visto usato a 50 euro nel ‘mio’ negozio di fiducia e me lo sono portato a casa per provarlo.

Carino, ma forse una sola manopola è limitativo anche perché sui puliti avrei bisogno di un plate reverb o addirittura church per fare ambiente, mentre sui suoni crunch o distorti avrei bisogno di qualcosa di meno invasivo. Mi sono talmente abituato a suonare senza che mi fa quasi impressione sentirlo anche se sui pulti aiuta parecchio a creare dei bei tappetoni sonori.

Quasi quasi provo anche il BOSS RV-6 anche se non sono sicuro di averne bisogno, ma poi come faccio a fare le solite “figure di m….” quando provo a fare Where were you di Jeff Beck?

16
Nov
14

Alter Ego V2: ascoltiamolo un po’

Prima di tutto chiedo scusa per gli errori (ho perso un file audio), il mio sempre più pessimo modo di suonare e la ripresa ‘fuori fuoco’ di una parte, ma come al solito faccio tutto di fretta e non ho il tempo e la voglia di rifare tutto. Ormai sto perdendo l’abitudine a fare video ed anche il materiale da recensire, visto che lo pago io, è sempre meno perché sempre meno sono pure i soldi. Comunque alla fine ci casco sempre e l’ennesimo delay è finito per entrare in casa; ne approfitto anche per fare una mini-mini-recensione della mia nuova Squier Stratocaster Vintage Modified 70: come si dice? “Prendere due piccioni con una fava!” Qui sotto la prima parte del video.

In questa seconda parte commetto un po’ meno errori… ho detto “un po’ meno” quindi non aspettatevi molto 😉 .

15
Ott
14

Eh già!

Ci casco sempre!   🙄

Arrivato stamattina     🙂  .

Per prima cosa non andava il Tap Tempo ed ho cominciato ad imprecare tutti i santi del Paradiso perché avrei dovuto spedirlo indietro   😡 ,  quando… quando ho avuto l’illuminazione: ho guardato sul sito e c’è il nuovo firmware che serve a risolvere proprio quel problema     😀  .
Provato un’oretta per capire che… io sono tipo da delay digitali perché questi per me stanno troppo ‘sotto’ rispetto al mix.

L’Echorec, il Delux Memory Man e lo Space Echo mi piacciono parecchio e sui puliti sono molto ambientali e ‘sognanti’; il mio preferito però è il toneprint di default che, se ricordo bene, è lo stesso del Flashback blu ‘originale’.

Un po’ particolare come pedale, devono piacere ‘quei suoni’ lì!

Il Carbon Copy, che non è il ‘mio’ delay, comunque IMHO vince a mani basse come pasta sonora: certo, il TC è più versatile, è programmabile ed ha i toneprints.

Ora ci gioco un po’, ma se qualcuno dovesse farsi avanti… io non dico di no.

09
Set
14

Chi va e chi entra

Ho salutato il piccolo Mooer Trelicopeter con il quale mi sono anche divertito, ma ha un uso troppo limitato nel mio sound e quindi… bye bye!

Permutato con… sono iniziate un po’ di prove, purtroppo brevi, perché non ero nel ‘mio’ solito negozio. Su un Fender Hot Rod e con una strato del 1979 – un macigno come peso, ma abbastanza ben suonante – ho provato il MiniSpark booster della Tc-Electronic, il Cruncher della Mooer, carino e ricorda molto la Crunch Box della MI Audio (oltre che il mio ampli), il Mooer Solo, frusciava tantissimo, e il Suhr Riot Reloaded ex-demo: questo è un mostro e non fruscia quasi per nulla, bel pedale! Ma il pedale che mi ha veramente impressionato è stato questo qua sotto.

Il Gurus Naked Ch1: in un attimo ci tiri fuori tutti i suoni classici del rock: una bella sorpresa! Peccato per le dimensioni e il fatto che sia un po’ alto, ma non escludo di farci un altro giro: con il suo fratellone ch2 si ha praticamente sottomano tutto.

Alla fine cosa ho portato a casa?

Sì, lo so, banale; però il suo lavoro lo fa e non costa uno sproposito fatto che ha reso la permuta molto facile con una piccola aggiunta. Ora farò le prove per capire dove sia la sua posizione migliore: inizio o fine catena? Se la giocherà con il Micro Amp per la posizione, poi non è detto che non cambi idea e prenda il Gurus…

Nel frattempo sto provando anche due alimentatori: il T-Rex Goliath e il Cioks TC10; ma non è finita qui, ma per chi legge ora sì!

06
Giu
14

TC Electronic Alter Ego X4

Indubbiamente quelli di PGS sono dei maghi del marketing e del far soldi anche se, a onor del vero, il suono a tratti è veramente notevole; quello che si nota poco nel video sono, come sempre, le dimensioni di questo delay che è veramente enorme ovvero l’equivalente di 3 pedali!

07
Mar
14

Ma…!!!???!!!

Mio nonno diceva che “il gioco è bello quando dura poco”!


Aveva ragione: il mio è durato troppo!




PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Visitatori

  • 128,444 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.