Posts Tagged ‘Korg Pitchblack

20
Apr
17

Non sono 3, ma…

… ma mi sto divertendo molto con i miei 4 pedaletti! Avevo detto che sarei potuto scendere a 3 ed in effetti lo potrei fare, ma la sindrome dell'”horror vacui” ha fatto sì che un quarto pedale l’ho messo anche solo per avere la presa jack in alto che è un po’ una mia fissa per non inciamparci con il piede.

Non voglio fare la morale a nessuno, ma io mi sto divertendo con poco; d’altra parte non sono poi quel chitarrista versatile che pensavo di essere o poter diventare… anzi forse non sono neppure più un chitarrista, ma solo uno strimpellatore da strapazzo!

30
Gen
16

Horror vacui

Non che sia cambiato molto da inizio gennaio, ma un certo senso di ‘horror vacui’ è tipico di ogni chitarrista che vede uno spazio vuoto nella propria pedaliera e quindi? Quindi quel ‘vuoto terrorizzante’ va riempito: già, ma con cosa? Con ‘roba’ inutile, naturalmente, ma almeno quel senso di smarrimento di fronte al vuoto ed ai suoi possibili riempimenti se ne va definitivamente. Onestamente tutta la fila sopra potrebbe non esserci, alimentatore a parte, dato che non serve a nulla ed è solo una specie di doppione di possibilità che ho già sotto: quasi dei ‘presets’ diversi.

Dire che non sto pensando a qualche piccolo mutamento sarebbe una bugia: l’Alter Ego V2 usato su un solo preset è uno spreco, ma con che lo sostituisco? Al posto del Ditto looper c’è giusto lo spazio per un riverbero se ne sentissi la mancanza, ma per ora quello dell’Hot Rod funziona a meraviglia.

Ma la cosa peggiore è che adesso mi è venuta la mania dei colori: stavo per prender il booster della Mesa, usato, solo perché era rosso/nero come il Gurus: sono alla frutta! Per fortuna ogni tanto mi si riaccende il cervello e mi sono ricordato dello Spettrodrive che funziona da booster sui puliti alla grande ed è a costo zero dato che l’avevo chiuso nel cassetto.

02
Gen
16

Anno nuovo…

Anche se già so che non sarà un buon anno, anzi, almeno dal punto di vista della mia strumentazione le novità sono radicali e definitive. C’è ancora tanto spazio, ma a parte un delay-di-servizio e forse un booster, ma per ora non ne sento il bisogno, avrei comunque lo Spettrodrive nel cassetto pronto ad entrare, non vedo cosa altro potrebbe servirmi: forse l’Hall of Fame mini, ma anche qui per ora non ne sento l’esigenza dato che il riverbero dell’Hot Rod Deluxe fa egregiamente il suo dovere (anche se il plate un po’ mi manca insieme a qualche esagerazione tipo church!)

L’immagine non rende onore alla Strato del bù con la nuova colorazione: non si vedono le venature del legno ed anche il colore, nonostante non abbia usato il flash (ecco perché l’immagine è così sgranata), è falsato. Insomma, un’altra strato impossibile da fotografare perché cambia look a seconda della luce: va dal giallino molto tenue, al grigio sporco sino al verde-vomito che tanto piace a Son of Aleric. I più attenti avranno notato anche un cambiamento di posizione delle due modulazioni che si trovano tutte e due all’inizio del percorso del segnale: così frusciano un bel po’ quando esagero con il gain, nonostante una sia analogica e l’altra digitale, ma se le metto nel send/return del Gurus non frusciano più anche se secondo me sono meno efficaci, infatti anche prima ne avevo una davanti e l’altra dopo le distorsioni; ma questi sono piccoli aggiustamenti che non cambiano la sostanza del tutto. Anche il Ditto Looper è lì più che altro per non lasciarlo chiuso nel cassetto, lo uso solo per i video per farmi una base su cui ‘giocare’, ma non esiterò a toglierlo anche solo per dare più aria agli altri pedali.

Ora un’immagine con il flash: anche questa però non coglie il giusto colore della Strato; insomma, avere strato dal colore impossibile da fotografare è un po’ la mia ‘dannazione’!

Da ultimo aggiungo solo che tutto questo non mi è costato un euro: ho riscoperto l’arte del baratto e quindi anche se sicuramente nel tempo ci ho perso qualche cosa, tutto quello che vedete (verniciatura Strato a parte) è frutto di compra-vendite e permute. A dire il vero sono anche in attivo al punto che metà della verniciatura della strato me la sono sovvenzionata tramite la vendita di pedali precedenti. E avrei ancora qualcosina da vendere come, ad esempio, il Vibe artigianale di MNK…

29
Dic
15

Da qualche parte…

… bisogna pure iniziare e visto che questa sarà la mia ultima pedaliera direi che ho sfoltito abbastanza.

Nel novembre 2014 avevo 15 pedali, a settembre 2015 ero sceso a 12 ed all’alba del 2016 sono a 6 di cui in realtà solo 4 sono ‘per fare il suono’; l’accordatore è lì per riempire un buco come il looper. Non prevedo grossi cambiamenti in futuro, massimo un paio di new entry, ma non so se ne avrò bisogno. Più che altro ancora non sono sicuro della disposizione delle due modulazioni messe lì più che altro per necessità di cavi di alimentazione (non volevo spostarlo).

16
Feb
15

Release Candidate 1

Basterà? Per ora sì!

Ho disatteso le ‘regole auree del RAFFUS’: sono più di 8 pedali (10 + accordatore, ma quest’ultimo per me non è un pedale in senso stretto), non ho ‘minimo’ 4 overdrive e si vedono i cavi. Pazienza!
Ora vediamo quanto resiste; qualche piccolo cambiamento è sempre dietro l’angolo, ma si tratterà di ‘limature’ su un impianto generale in fondo stabile già da parecchio tempo.

13
Feb
15

Pian pianino…

Non è la fine, ma non è che manchi poi così tanto   🙂 .

Speriamo solo che “venerdì 13” non porti sfortuna… va beh, tanto non è definitiva!

09
Feb
15

Bye Bye baby…

Salutato l’MXR Uni-Vibe, che alla fine mi piaceva pure, ma l’ho trovato poco versatile (tanto a Giugno dovrebbe uscire quello della TcElectronic); salutato anche lo Joyo US Dream perché troppo ‘americano’ e spinto e non necessario al mio sound. Con una differenza di euro sorprendentemente meno forte di quanto mi aspettassi (in fondo lo Joyo costava nuovo meno di 40 euro e quindi dalla permuta mi aspettavo veramente poco) mi sono preso…: va beh, guardate voi!

Una cosa è certa: sono incorreggibile!   🙄

Adesso devo solo trovare il tempo di provarlo: già, non sono ancora riuscito ad accenderlo e se solo arrivasse il phaser che ho ordinato prima di Natale sarei pure giunto alla fine.

Ho anche una grossa tentazione: far fuori l’accordatore che non uso mai se non come ON/OFF del suono durante i cambi chitarra; potrei mettere al suo posto il Ditto looper o… magari far fuori anche quello?




PRIVACY POLICY E COOKIE POLICY

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. In alternativa è possibile rifiutare tutti i cookies cambiando le impostazioni del proprio browser oppure uscire dal sito. Qui di seguito potete trovare la gestione della privacy e dei cookie da parte di Automattic (la società che gestisce la piattaforma Wordpress.com) Privacy Policy and Cookies; per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Law.

Benvenuti!

Questo blog è dedicato a tutti gli appassionati di chitarre, direi quasi esclusivamente Fender, e del vecchio e sano Hard-Rock anni '70. Il mio è solo un hobby condiviso in rete quindi il sito è da considerarsi 'amatoriale' e non ha nessuno scopo di lucro.

Avvertenze

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Visitatori

  • 130,466 visite
Follow Vigilius's Weblog on WordPress.com

Blog che seguo

Categorie

Archivio


Ritchie Blackmores Rainbow

Ritchie Blackmore's Rainbow - the ultimate resource

Mauro Principi

La musica è arte, armonia, cultura, e soprattutto cibo per l'anima.